Vitigni di Calabria
MALVASIA BIANCA

 

vitigno calabrese Malvasia bianca Sinonimo. Malvasia bianca lunga (del Chianti) B.

 

Si tratta della Malvasia bianca lunga o del Chianti, presente in buona parte della nostra Penisola (Toscana, Triveneto) oltre che in Croazia e in Grecia. In Calabria, nella Locride, viene denominata Malvasia bianca di Sicilia (o siciliana) ed è presente in quasi tutta la regione anche se in modo sporadico come coltura tradizionale. È un vitigno a maturazione media (nella seconda decade di settembre).

 

Come si presenta in vigna. Il grappolo a maturità ha dimensioni elevate, è generalmente allungato, di forma conica, con peduncolo medio, di colore verde. L’acino è medio o medio-piccolo e sferoidale. La buccia è di medio spessore, pruinosa, di colore giallo-verdastro tendente al paglierino. La polpa è consistente e ha sapore neutro.

 

Attitudini per la viticoltura. La Malvasia bianca ha una vigoria elevatissima, una elevata produttività e predilige forme di allevamento espanse. Ha una buona tolleranza alle avversità climatiche e alle principali fisiopatie, ma è spesso sensibile all’oidio e alla botrite.

 

Impiego. Le uve vengono usate solo per la vinificazione, spesso in uvaggio con altre varietà.

 

Fonte bibliografica: Schneider et al. (2008) Schede ampelografiche in
«Il Gaglioppo e i suoi fratelli. I vitigni autoctoni calabresi». Ed. Tecniche nuove

ALTRO DA SCOPRIRE
TERRITORIO
LAMEZIA
REGGIO CALABRIA
DENOMINAZIONE
BIVONGI
MELISSA
SANT’ANNA DI ISOLA CAPO RIZZUTO
SAVUTO
TERRE DI COSENZA